Archive for settembre 2008

Treni vietati ai cani: ORDINANZA SOSPESA !

30/09/2008

Splinder (30/09/2008) Evviva!!! Cari amici sono strafelice di questa notizia di oggi! E’ stato tutto sospeso, in attesa di cercare una soluzione, che mi auguro, sia più di buon senso e tenga conto delle esigenze di tutti i viaggiatori, cani compresi! Non è ancora una vittoria, ma di certo la si può considerare un piccolo e beneaugurante successo. L’ordinanza di Trenitalia che avrebbe Leggi ancora

Annunci

Petizione: i cacciatori vogliono che siano insegnati i “lati positivi” della caccia a scuola

28/09/2008

Ringrazio Duska per averci informato di questa notizia e petizione:

Da questo articolo: Arci Caccia: insegnare l´attività venatoria a scuola
http://www.greenreport.it/contenuti/leggi.php?id_cont=15582
si apprende che i "simpatici" cacciatori – rappresentati in questo caso dal presidente dell’Arci Caccia – hanno scritto al ministro dell’istruzione, università e ricerca, Maria Stella Gelmini, una lettera in cui sostanzialmente chiedono i "lati positivi" della caccia siano insegnati  scuola! I trucidatori di animali scrivono: "Sottoponiamo alla sua attenzione ed alla sua sensibilità un tema che troppe volte è risultato marginalizzato: la possibilità che la scuola, nel promuovere una maggiore attenzione alle questioni ambientali, focalizzi il tema della conservazione del patrimonio faunistico informando correttamente sul contributo prezioso di una corretta gestione dell´attività venatoria."
Certamente questa assurdita’ non sara’ presa in considerazione, ma conviene far sentire anche la nostra voce, scrivendo al Ministro e all’URP del ministero:

Scriviamo a: urp@istruzione.it e a gelmini_m@camera.it

il seguente messaggio-tipo in forma di petizione (chi vuole puo’ scrivere un messaggio
personalizzato, ancora meglio!). Ricordatevi di mettere in fondo il vostro nome e cognome.


Buongiorno, con la presente intendo sottoscrivere la seguente petizione:

 

All’URP del Ministero dell’istruzione, università e ricerca
Al Ministro Maria Stella Gelmini


In riferimento alla richiesta del presidente dell’Arci Caccia di insegnare a scuola ai ragazzi le "bellezze" e la "positivita’" della caccia.


DATO CHE:


– L’attivita’ venatoria consiste sempre e solo nell’uccidere per divertimento: e’ un’attivita’ ludica, e chi la pratica lo fa perche’ prova piacere a uccidere, non ha altro fine.

– Oltre a essere mortale per gli animali, e’ dannosa per l’ambiente, a causa della grande quantita’ di piombo che i cacciatori seminano nei boschi e nelle campagne.


– E’ mortale anche per gli animali non cacciati, perche’ e’ "costume" in zone di ripopolamento
spargere bocconi avvelenati per uccidere gli animali selvatici, in modo che gli animali
allevati in allevamenti intensivi e poi "rilasciati" in natura perche’ i cacciatori si divertano a impallinarli non vengano invece catturati dai loro predatori naturali. Questi bocconi avvelenati uccidono animali selvatici, animali domestici, e sono pericolosi anche per gli esseri umani.

– Con le varie immissioni di animali viene gravemente danneggiato l’equilibrio naturale (ad
esempio con la massiccia immissione di cinghiali avvenuta negli anni passati).


– E’ un grave pericolo per tutti i cittadini: per molti mesi l’anno i boschi, le campagne, le montagne diventano "proprieta’ privata" dei cacciatori, che sparano a tutto cio’ che si
muove, causando svariati morti e feriti umani. Chi vive, lavora, o fa escursioni in campagna deve farlo sempre nel terrore di essere impallinato, di essere preso a male parole e minacciato da gente armata, di non poter nemmeno essere padrone in casa sua perche’ individui armati ed arroganti possono legalmente entrare nei suoi terreni.


– La caccia sarebbe molto pericolosa anche se tutti i cacciatori rispettassero tutte le regole
che la legge prevede. Ma la realta’ e’ ancora peggiore, perche’ queste regole non vengono
rispettate affatto, e molto spesso i cacciatori sparano vicino alla case e alle strade, mettendo
in stato d’assedio tutti coloro che abitano o transitano in "zona di caccia".


– E’ inquietante avere individui che girano liberamente armati in ogni dove, individui che per definizione provano piacere a uccidere esseri senzienti indifesi.

 

I SOTTOSCRITTI CITTADINI CHIEDONO CHE:
<!–[if !supportLineBreakNewLine]–>
<!–[endif]–>

L’assurda richiesta dei cacciatori non solo non sia presa in considerazione, ma anzi, il
Ministero si adoperi affinche’ ai ragazzi venga insegnato il rispetto per la natura e per gli animali, mettendo ben in chiaro che la caccia e’ solo un’attivita’ distruttiva e pericolosa per tutti: natura, animali, esseri umani.

In fede,


.. nome cognome …

Spettacoli di Rodrigo Garcia: uccisione di animali come “spettacolo”

28/09/2008

Gradisca d’Isonzo: le guardie del corpo forestale regionale bloccano lo "spettacolo" del regista Rodrigo Garcia in cartellone all’Omissis 8 Festival.

La LAV: “Grazie ai forestali, è stata impedita l’ennesima messa in scena di orrore e morte
Ieri sera, venerdì 12 settembre, le guardie del Corpo Forestale Regionale Friuli Venezia Giulia del Nucleo Operativo per l’Attività della Vigilanza Ambientale sono tempestivamente intervenute per impedire che venisse messa in scena, ancora una volta, l’agonia e l’uccisione di un animale.
Lo “spettacolo” del regista Rodrigo Garcia è infatti tutto incentrato sulla tortura e l’uccisione finale di un’aragosta, rigorosamente dal vivo. 
Grazie a una segnalazione arrivata alle sedi locali, i volontari della LAV si sono immediatamente attivati per fare in modo che questa atrocità non avesse luogo, contattando le guardie forestali che nel giro di poche ore avevano già attivato una squadra per intervenire.
Gli agenti, dopo una lunga e accesa discussione con gli organizzatori dello spettacolo e con lo stesso Garcia, sono riusciti a far sospendere definitivamente le due serate previste.
Non è la prima volta che la rappresentazione viene bloccata dalle forze dell’ordine: a Milano, l’anno scorso, il garante per la tutela degli animali del Comune di Milano, in collaborazione con la LAV e altre associazioni, era intervenuto con un atto della Procura, impedendo che venisse messa in scena sin dalla prima serata. 
“Ringraziamo le guardie forestali per l’intervento immediato, fermando questo aberrante esempio di crudeltà immotivata spacciata per ‘libertà artistica’” dichiara Stefania Ivanovich, coordinatrice regionale delle Sedi LAV per il Triveneto “speriamo che questa ulteriore azione delle forze dell’ordine nei confronti di questa compagnia serva a evitare altri spettacoli del genere nelle sale italiane”.
Ricordiamo che il CP, ex legge 189/2004, all’art. 544 ter, condanna con la reclusione da tre mesi a un anno o con multa da 3.000 a 15.000 euro chiunque per crudeltà o senza necessità sottopone a sevizie un animale; l’art. 544 bis prevede la reclusione di chi ne cagiona la morte, nelle stesse condizioni, con la reclusione da tre a diciotto mesi, mentre l’art. 544 quater punisce con la reclusione da 4 mesi a due anni e multa da 3.000 a 15.000 euro chi organizza o promuove spettacoli o manifestazioni che comportino sevizie o strazio per gli animali.
La LAV chiede ai cittadini, qualora dovessero venire a conoscenza di altre rappresentazioni dello spettacolo di Garcia, “Accidens (matar para comer)” nella loro città, di segnalarlo subito alla sede nazionale LAV, tel. 06.4461325, in modo da poter intervenire tempestivamente.

Vendita illegale di animali protetti a Palermo

28/09/2008

PALERMO, AL MERCATO BALLARO’ IMPERA L’ILLEGALITA’: CENTINAIA DI ANIMALI PROTETTI MESSI IN VENDITA La LAV e la LIPU chiedono l’intervento delle Forze di Polizia
Commercio abusivo di fauna a Palermo, nuovo sopralluogo ed ennesima conferma: domenica scorsa i volontari di LAV e LIPU si sono recati presso il mercato di Ballarò riscontrando una rinnovata ed ancor più florida presenza di bracconieri. Come ogni domenica mattina venivano esposti per la vendita  centinaia di uccelli appartenenti a specie protette dalla legge. "Tutti gli animali – hanno dichiarato Alida Sacco e Giovanni Cumbo, responsabili cittadini di LAV e LIPU – vengono  catturati in natura con metodi traumatici. Purtroppo – hanno aggiunto i due Responsabili – gli ultimi  interventi delle Forze dell’Ordine risalgono alla mattina del 16 marzo scorso, quando furono sequestrati ben 300 cardellini. Da allora non è successo più niente e nel mercato di Ballarò sono stati venduti migliaia di animali tutti  protetti dalla legge" LAV e LIPU hanno così deciso di coinvolgere direttamente il Prefetto di Palermo facendogli pervenire un dettagliato esposto inviato anche all’attenzione del Questore, del Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, del Comandante della Polizia Municipale e dei dirigenti del Corpo Forestale della Regione siciliana.  Secondo i responsabili cittadini di LAV e LIPU, l’avvento della stagione autunnale, comporterà l’arrivo massiccio di stormi di piccoli uccelli provenienti dal Nord Europa. E’ il business invernale degli uccellatori il quale sostituisce la cattura dei migratori primaverili e quello dei nidiacei prelevati direttamente al nido, tipico – invece – della bella stagione. La legge italiana considera questi animali come patrimonio indisponibile dello Stato. L’esercizio di forme di caccia vietate dalla legge, come l’uccellagione, rappresenta un ulteriore grave contributo al depauperamento della fauna selvatica. I piccoli uccelli vengono catturati facendo scattare una rete a maglie fitte la quale provoca spesso la morte del 50% degli animali. Quelli che in effetti arrivano a Ballarò rappresentano una percentuale minima degli animali catturati.Oltre ai reati venatori – hanno aggiunto Alida Sacco e Giovanni Cumbo – va sottolineato come le aberranti condizioni di detenzione (tra cui le gabbie del tutto insufficienti finanche ai loro minimi, indispensabili movimenti) comportino la piena violazione della legge sul maltrattamento di animali, fatto questo punito anche con la carcerazione. Non si capisce come a Ballarò i numerosi bracconieri, più volte condannati per vari reati, possano tranquillamente riunirsi ogni domenica mattina rischiando al massimo una denuncia ogni 10-12 mesi"

Cercano casa: cani e gatti

28/09/2008

PAVIA – SERGIOPrendi il suo guinzaglio e i suoi occhi iniziano a brillare. Gli posi una mano vicino al musetto e non si sposta più. Sergio ha bisogno di contatto umano e non delle pareti di un box. Ti viene accanto e continua a muoversi perché una volta fuori dal box non sa più dove guardare per conoscere quel mondo che non gli appartiene. Sergio è un incrocio di spinone ma che bell’incrocio! Il suo color miele è a dir poco stupendo, un bel cane così in canile é proprio una tristezza.. Starebbe bene in un bel salotto o giardino, a contatto con una famiglia invece di una vita reclusa in un box, 24 h su 24… 365 giorni all’anno. Prigione, prigione, prigione. Si esce solo per andare dal veterinario e basta. Sergio dietro alle sbarre da ben 4 anni e mezzo, che dire… stupendo e da vedere perché la sua bellezza colpisce! Un cane ha bisogno di passeggiate, un cane adulto ti ama ancora di più adottandolo da una situazione di sofferenza di spazio.Taglia media, color miele, pelo lungo. Va d’accordo con gli altri cani. Vaccinato, microchippato, adottabile in Lombardia con controlli pre e post adozione e documenti di affido.  Diverse fotografie disponibili al Link:
http://www.porgiunazampa.altervista.org
Per info e Adozione: Gruppo vita Animale
luponuvola@yahoo.com


PAVIA – Questa gattina ha 4 mesi e un mese fa è stata trovata investita per la strada, MICINAhanno dovuto amputarle la zampina davanti. A breve non potrà più restare nell’ambulatorio veterinario dove l’hanno curata, e verrà trasferita al gattile..Abbiamo pochi giorni per trovarle casa, la piccina è un pò spaventata, come darle torto, ma ama le coccole e il contatto fisico con un pò d’amore si riprenderà in fretta.. Con le sue tre zampine salta corre e gioca, per lei non un handicap..per te? Ancora non ha nemmeno un nome, forza, troviamole casa! Per informazioni pesarourbino@oipaitalia.com

 


 

borderNAPOLI – Sono un simpatico cagnetto di taglia media, circa 14 kili, color rossiccio di 1 anno circa, legato senza umanità ad una catena di nemmeno 50 cm a Sant’ Antonio Abate (NA)!!! Grazie a Daniela e Luisa sono stato liberato il 09.09 e hanno denunciato lo sporco "proprietario" che non mi ha nemmeno riconosciuto come suo!! Non potevo correre, nemmeno muovermi, intrappolato nella mia solitudine sotto a questa barracca che somigliava ad un riparo…provate ad immaginare le mie pene. In un contesto di gran degrado e di "MUNEZZA" attorno a me. Purtroppo ero costretto a defecare e ad urinare tutto in quel misero angolo e respirare il tutto.Ero infestato di pulci e zecche e tutte mosche intorno! Il cibo ? Quando se ne ricordano, ero costretto a mangiare gli avanzi di alcuni giorni e l’acqua come vedete era imputrita nello squallido secchio. Purtroppo i vigili avevano chiamato l’Asl e l’accalappiacani mi ha portato al canile…pensate che nell’ uscire da quell’ inferno non riuscivo nemmeno a camminare.

VI PREGO…Vi amerò per sempre. Per info: mariadaniela17@hotmail.com   

TUTTA ITALIA – Questi 4 micini sono stati trovati in una scatola. Dovrebbero essere tutte femmine tranne il bianco e nero. Hanno fatto una prima visita dal veterinario, sono stati spulciati ed è stato somministrato un antibiotico.
Sembra che uno dei tigrati abbia un problema agli occhi, forse cerebrale. Mi aiutate a diffondere? Si trovano a napoli in pensione, ma sono adottabili in tutta italia.
MICIMICI2MICI3

Gatti e altri animali salvati da laboratorio cercano casa

27/09/2008

Divulgo con la speranza di buon esito, questo post segnalato da Fioredautunno.

Per favore, dedicate 10 minuti di tempo per leggere e divulgare, tanti animali con esperienze pesanti alle spalle aspettano una nuova vita.

 

aiutiamoli anche solo diffondendo questo appello.

grazie!

Messaggio da parte del Centro I-CARE, International Center for Alternatives in Research and Education (www.icare-worldwide.org) con preghiera di massima diffusione in canali di tutta fiducia.

Cercasi in Lombardia/Veneto e regioni limitrofe adottanti per topi, ratti, conigli new zealand ma, soprattutto, per 30 gattine, di cui molte FIV positive, salvate dalla morte in laboratorio.
L’urgenza e’ principalmente per le 30 gatte, di eta’ compresa tra i 7 e i 16 anni, quasi tutte gia’ riabilitate, di cui trovate nel seguito una descrizione ed i riferimenti.

Contatti GATTE da laboratorio: Asia Giordano: asia_giordano@fastwebnet.it e Stefania Re: cell. 348.2798128 (NO SMS)
Contatti CONIGLI e RODITORI da laboratorio: 4thR@icare-worldwide.org (Per i conigli e roditori, vi consigliamo la lettura delle schede presenti sul sito www.vitadatopi.net.)

Grazie a tutti
Lo staff di I-CARE

In seguito all’uscita dagli stabulari, le gatte hanno interagito per la prima volta nella loro vita con le persone che si sono e si stanno occupando di loro. Hanno mangiato per la prima volta il cibo umido, hanno potuto fare i loro primi passi fuori da una gabbia. Il recupero di alcune di loro é già straordinario.
E’ indispensabile che trovino una sistemazione priva di pericoli (niente uscite non sorvegliate o giardini che confinano con la strada) perche’, ovviamente, non sono minimamente abituate a interagire con l’ambiente esterno, mentre si trovano benissimo in casa.
Per quanto riguarda l’adozione di queste gatte,  possono essere adottate insieme o possono tranquillamente inserirsi in un ambiente con altri gatti (purché docili), tranne una in particolare per cui é fortemente raccomandata un’adozione singola, poiché attualmente dimostra una grandissima disponibilità verso le persone e meno tolleranza verso altri conspecifici. Non é detto che pero’, se inserita con un altro gatto molto accogliente, non si possa ottenere una buona adozione. I casi sono da valutare singolarmente.
E’ fondamentale che le persone che le accoglieranno abbiano una certa disponibilita’ di tempo e siano fisicamente espansive, perche’ tutte adorano le coccole e la compagnia, e vorremmo che ne avessero in abbondanza.
Si richiede la necessaria disponibilità a controlli pre e post -adozione, la fotocopia dei documenti di identità e la compilazione di un modulo specifico di adozione.

Le gatte si trovano presso il nuovo rifugio Miciamici a Zeme (Pavia), recentemente entrato nel circuito I-Care, coordinatosi con il gruppo di lavoro Apertis Verbis.

Per raggiungere il rifugio:
la via più facile é arrivare a Mortara, e poi prendere la SS494 per 7 kilometri fino ad arrivare a Zeme, alla Cascina Madonna. Sui satellitari più aggiornati, impostare "Cascina Madonna", Zeme; oppure la vicina "Cascina Leonina", Zeme.
In ogni caso, una volta arrivati a Mortara, potete chiamare Stefania che vi guiderà fino al rifugio.

Per chi non avesse possibilità di adottarle, ma la voglia di aiutarle con una donazione, puo’ fare un versamento a Miciamici:
CAUSALE: gatte laboratorio
C/C bancario n. 300979/34 – Banca CariParma e Piacenza sede di Parona.
VIA  XXV Aprile, 17 27020 PARONA (PV)
Codice Iban    IT17Q0623056100000030097934
C/C postale n. 53503546 intestato a Associazione MiciAmici.

PERSI: Micio europeo b/n, cane simil passotto a Pavia

27/09/2008

PAVIAFREDin data 30/07/2008 abbiamo smarrito a San Martino Siccomario (PV) un gatto maschio sterilizzato di 1 anno di nome Fred. Ha il pelo corto, colore bianco e nero, ha una macchia nera sotto la bocca sul lato sinistro (anche il labbro inferiore è nero). Non portava il collarino. E’ uscito di casa con la sorellina come sempre intorno alle 20.30, poco prima delle 23 sono uscita per chiamarli visto il temporale in avvicinamento. Kimba è rientrata subito, Fred non è rientrato. L’abbiamo cercato subito, ovunque. Ho già seminato San Martino di volantini, messi anche nelle cassette postali. Il volantino è esposto anche in Comune, nei bar, farmacia. Mi è stato segnalato che l’hanno sfamato fino al 23 di agosto in una casa vicina a noi. E’ un gatto molto socievole, buonissimo, coccolone. Spero di aver messo tutte le informazioni utili. Grazie mille per l’aiuto prezioso!!! Sabrina Carelli


 

CAMILLAPAVIA – RINNOVATO APPELLO!!!!!!
Perso cane incorcio bassotto pinscher di nome Camilla, femmina di 6 anni, sterilizzata e con tatuaggio, in via Campanelle località Suardi a Pavia, il 5 agosto 2008. Tg piccola, pelo raso, mantello nero focato. Porta un collare nero. Ha una cicatrice sulla zampa posteriore sinistra. Proprietario. Tonio Roberto.
Da:
www.animalipersieritrovati.org

Buon notizie: animalisti rilasciati in Austria, una nova ippovia, notizia sull’ONU

27/09/2008

VIENNA: FINALMENTE RILASCIATI GLI ANIMALISTI AUSTRIACI IN CARCERE DA TRE MESI

Dopo 3 mesi di detenzione sono stati rilasciati i nove attivisti animalisti austriaci, in prigione con l’accusa di terrorismo. L’ufficio del Procuratore capo ne ha ordinato la scarcerazione stabilendo eccessivo il ricorso alla custodia cautelare, in relazione ai reati sotto inchiesta.
I nove attivisti erano stati arrestati a maggio con un’accusa generica di attività di terrorismo, formulata in base a recenti norme anti-terrorismo, accusa non supportata però da prove precise e dettagliate, secondo i legali degli arrestati.
La LAV, rimarcando l’adesione a ideali pacifisti e non violenti, rispettosi di ogni essere vivente, aveva espresso la propria preoccupazione riguardo la vicenda, con una lettera indirizzata al Ministero della Giustizia austriaco, e all’Ambasciatore austriaco in Italia, in cui chiedeva di rendere pubbliche ed ufficiali le accuse a carico degli attivisti detenuti, garantendo il diritto alla difesa per gli arrestati.
9.09.2008
Ufficio stampa LAV
www.lav.it

Da Prato della Valle a San Martino di Castrozza: sette giorni lungo un’"ippovia" lunga 240 chilometri

Sette giorni in sella a un cavallo, da Prato della Valle fino a San Martino di Castrozza. Per tutti gli amanti del trekking equestre, la nuova ippovia (240 chilometri) – che è stata presentata all’ultima fiera di cavalli a Verona – è consultabile sulla guida «Ippovie Venete» che è stata redatta dal padovano Carlo Canovese, vicepresidente dell’associazione «Sentieri e cavalli» di Abano Terme. L’opuscolo, patrocinato da Regione e Provincia, ha lo scopo di fare conoscere a chi si dedica al trekking a cavallo itinerari di straordinaria bellezza paesaggistica. Oltre a una cospicua serie di numeri utili – maneggi, veterinari, maniscalchi, trattorie che si incontrano sul percorso – la guida descrive minuziosamente le tappe giornalierie del tracciato con informazioni storico-naturalistiche delle zone che vengono attraversate. «Sono percorsi bellissimi che ho collaudato in agosto – spiega Carlo Canovese – Non presentano particolari difficoltà tecniche, ma sono consigliabili solo a cavalieri e cavalli esperti, e soprattutto bene allenati, dato che si affrontano dislivelli notevoli. È una settimana da vivere immersi nella natura e in paesaggi mozzafiato. È da quaranta anni che vado a cavallo, una passione enorme. Ho pensato di realizzare questa guida perchè, a differenza di altre regioni come il Trentino, il Veneto ne era sprovvisto. Agli amanti del trekking a cavallo, consiglio di ripetere l’esperienza che ho fatto con alcuni amici, munendosi di spirito d’avventura». Oltre all’itinerario che da Padova porta tra argini, malghe, rifugi e laghetti fino alle pale di San Martino di Castrozza, la guida descrive un secondo itinerario – durata dieci giorni – che da Chioggia porta a Cortina. E anche in questa seconda opzione il nostro territorio è interessato, perchè a essere «toccati» sono le zone di Noventana, Ponte di Brenta, Cadoneghe, Ponte Vigodarzere, Limena, Vaccarino, Curtarolo, Campo San Martino, Piazzola sul Brenta, Fontaniva per poi proseguire sempre in direzione altopiano di Asiago. L’opuscolo (costo euro 9,50) è stato tirato in tre mila copie. Può essere richiesto in qualsiasi libreria, oppure ci si può rivolgere direttamente a Carlo Canovese ( 347-8950302 ).
Da "Il Gazzettino" di Padova

FINALMENTE! ANCHE L’ONU… FA LA SUA PARTE!

"Rinunciare alla fettina almeno una volta alla settimana avrebbe un impatto notevole".
Questo e’ l’appello lanciato dall’Onu per bocca di Rajendra Pachauri, presidente dell’Ipcc, il gruppo di lavoro intergovernativo sui mutamenti climatici delle Nazioni Unite. Pachauri lo scorso anno ha ricevuto insieme ad Al Gore il premio Nobel per la pace.
http://www.progettogaia.it/stampa/index.asp?id=302
Diciamo la verita’: l’Onu non ha proprio aderito alla Campagna "Io Faccio La Mia Parte" ma, con questa dichiarazione, ne ha riconosciuto implicitamente l’importanza.
Progetto Gaia ha lanciato e sostiene la Campagna "Io Faccio La Mia Parte" da oltre 5 anni, dal 2003 proponiamo un consumo equo e sostenibile almeno un giorno alla settimana partendo dal basso (visto che in alto sono come le tre scimmiette, non sentono, non vedono e non parlano).
Le oltre 2.400 persone che, sin dal 10 dicembre 2003, hanno aderito alla nostra Campagna, hanno compreso, da soli, l’importanza dei piccoli cambiamenti, hanno capito che le scelte individuali, se organizzate collettivamente, non sono inutili. Tante piccole gocce producono effetti devastanti per un sistema ormai al collasso!
Se vuoi partecipare anche tu:
http://www.iofacciolamiaparte.org
Un saluto a tutti
Associazione Progetto Gaia
http://www.progettogaia.it

LAV Vigevano e Lomellina
web:
www.lav.lombardia.it

Ottima iniziativa: lo schedario dei volontari d’Italia on-line

27/09/2008
Da oggi è attivo un nuovo e ulteriore servizio che consente di pubblicare la propria scheda di Volontario Attivista e renderla pubblica a tutta la rete internet o solo agli iscritti al portale www.amicicani.com .
Per inserire la propria scheda in questa lista, bisogna registrarsi al portale e, dopo aver inserito username e password ricevuti tramite posta, selezionare dal proprio pannello di controllo la voce "Scheda Volontario Attivista" completando i dati richiesti. Si può scegliere di essere visti solo da utenti iscritti al portale AmiciCani.com oppure di essere pubblicati senza alcuna restrizione.
Questo servizio è messo a disposizione per agevolare i volontari a trovare contatti utili per emergenze per i propri cani in tutta Italia.
Più volontari si inseriscono e più tutti possiamo avere informazioni in tempo reale su staffette, pensioni, controlli pre e post affido diviso per provincia e regione tramite modulo di ricerca.

Grazie

AmiciCani.com
Portale di aiuto per i cani di tutta Italia
Sabrina                +39 340 8116681         – sabrina@amicicani.com
Luca                +39 349 2837900         – luca@amicicani.com
Numero fisso AmiciCani +39 0521 1710907
Fax AmiciCani +39 0521 4000118
Skype: amicicani
Parma

Milano: perso gatto europeo grigio tigrato

27/09/2008
Ciquito, maschio, europeo grigio tigrato, sterilizzato, anni 14, occhio sinistro che lacrima spesso, un dente canino spezzato, socievole, ha spesso la tosse.Nella realtà è più grigio e meno rossiccio che nella foto.
PERSO a Milano giovedi 4 sett (2008), dalle 22, in Via Gorani, Via Brisa (zona 1 – vicino Università Cattolica).

IMPORTANTE: la stessa sera è stato visto un uomo sui 30anni (con barba), insieme ad una ragazza, che catturava un altro gatto domestico, allontanarsi a piedi verso S. Ambrogio.
Qualsiasi notizia riguardo un gatto trovato, affidato ecc.. con simili caratteristiche (che piange sempre in gabbia), comunicare al 3398756978 Alida

grazie
Free Image Hosting at www.ImageShack.us clicca sulla foto x ingrandire!