Archive for agosto 2010

Sondaggio sulla caccia: votate!

23/08/2010
Sul giornale L’Arena di Verona c’è un sondaggio sulla caccia non ancora concluso, dove, purtroppo, stanno vincendo i no. La domanda del sondaggio e’: Dovrebbero abolire la caccia? Siccome arrivano lettere in redazione dove si chiede di chiudere il sondaggio, da parte dei cacciatori, votiamo SI’ in tanti prima che lo chiudano:

http://www.larena.it/polls/Sondaggi/134/

Annunci

Como: cercasi il gatto Napoleone scappato!

23/08/2010
Ve lo chiediamo supplicando in ginocchio!!! CHIUNQUE SIA DI COMO, VOLONTARI E NON SI UNISCA A NOI ALLA RICERCA DI NAPOLEONE che solo 2 giorni dopo averlo portanto in stallo è scappato!! E’ un micio prelevato dalla strada perchè EVIDENTEMENTE MALATO, DEBILITATO E DENUTRITO per cercare di curarlo per poi trovargli un’adozione. Proprio ieri (Lunedì 16 Agosto) era stato portato dal veterinario per una grave ferita sulla guancia che rischia di andare in NECROSI SE NON CURATA ADEGUATAMENTE.

NON è selvatico ma solo molto spaventato ed è per questo che CHIEDIAMO AIUTO DISPERATO A TUTTI VOI CHE LEGGETE E SOPRATTUTTO LA ZONA DI CADORAGO (Como)!

AIUTATECI A RITROVARLO!!!!!!!! Napoleone è un micio ci circa 6 anni che non dimostra per via della debilitazione, di colore rosso a pelo semi lungo, ANCORA INTERO!!

E’ stato perso a CADORAGO Via Montebello 11 (Como)

Davvero vi preghiamo con il cuore in mano di unirvi nelle ricerche e di stampare questo appello per appenderlo ovunque!!! E’ UN MICIO MALATO E VA CURATO! RISCHIA UNA MORTE BRUTTISSIMA!!
Oggi, (17 Agosto 2010) la volontaria KATJA SARA’ SUL LUOGO!! UNITEVI A LEI PER LE RICERCHE!!
Cel. per contatti 3398369888

clicca sulla foto per ingrandire! 

Petizione contro il film “Cannibal Holocaust”

23/08/2010
Dal 22 al 27 agosto si tiene ad Anzio l’"Italian Horror Film Festival":
http://www.lupafilm.com/italian_horror_film_festival.html

E’ in programma per il 25 agosto la partecipazione del regista Ruggero Deodato con la proiezione in versione integrale del film "Cannibal Holocaust".

Si tratta di un film dei primi anni ’80 in cui poveri animali vengono DAVVERO torturati ed uccisi: tartarughe veramente catturate e squartate vive, un maialino preso a calci (dall’attore Luca Barbareschi), cui
viene poi sparato in testa a distanza ravvicinata, una scimmietta decapitata (mentre le altre tre di riserva muoiono di crepacuore dopo aver visto la sorte della compagna…), e altro.

Questo film e’ del genere "snuff movies", in cui si torturano e uccidono vittime al solo scopo di girare il film, niente a che fare quindi con la documentazione di atti efferati che accadono comunque.
Questi sono film vietati dalla legge, e i siti che li pubblicano vengono fatti chiudere dalla polizia postale.
Scriviamo con urgenza agli organizzatori e al Comune di Anzio che patrocina l’evento, chiedendo di annullare la proiezione.

Scriviamo a:
info@wavetv.it, lupafilm@tiscali.it, sindaco@comune.anzio.roma.it

oppure, col ";" come separatore:

info@wavetv.it; lupafilm@tiscali.it; sindaco@comune.anzio.roma.it

Messaggio-tipo da inviare (potete inviarne uno personalizzato, anzi, e’
meglio, ma senza inserire insulti), da completare col vostro nome e
cognome in fondo:
——————————

Agli organizzatori dell’"Italian Horror Film Festival"
e al Comune di Anzio in qualita’ di patrocinatore

Egregi signori,

mi unisco alla richiesta di molte altre persone da tutta Italia di ANNULLARE la proiezione del film "Cannibal Holocaust", in quanto per la proiezione dello stesso sono stati DAVVERO torturati e uccisi animali,
al solo scopo di girare il film.
Tutto questo e’ illegale, oltre che essere vergognoso ed orrendo.
Mostrare quel film significa di fatto avallare torture e uccisioni di animali innocenti, ed essere dalla parte di chi usa la violenza piu’ estrema contro animali che non si possono difendere.

Chiediamo agli organizzatori e al Comune di Anzio di intervenire per annullare la proiezione.

In attesa di riscontro, porgo distinti saluti,
… nome cognome ….

Aiutiamo Darco: appello

19/08/2010

Cari amici ricevo da Sabrina e dalla sua amica questo appello, sperando che qualcuno di voi in commento, possa aiutarle a risolvere un problema che affligge Darco, questo bel cane in foto. 
Ecco il problema:

" Il cane soffre di un otite cronica esterna e nonostante gli vengono messe le campane di plastica le rompe tutte.
E' da precisare che suo papà soffre della stessa malattia.
Il veterinario gli ha segnato Skingel e sfingomax ma questo cucciolo di cane non ha miglioramenti e si stà sciupando e ferendo le orecchie con le unghie.
Ho cercato su internet per questo cucciolo delle alternative a medicinali, cure omeopatiche, rimedi naturali e quant'altro ma non riesco a trovare dei siti buoni e informativi.
Se conoscete dei rimedi naturali per tenere pulite le orecchie al cane costantemente in modo di alleviargli sofferenza e prurito vi ringrazio.
Darco da subito mi ha preso il cuore con i suoi occhi dolci e teneri e con l'amicizia che ho con i loro padroni che conosco da ben dieci anni vorrei aiutarli per il loro cucciolo.

Precisazione: Non escludiamo le cure veterinarie con medicinali ma cerchiamo anche cose naturali per la pulizia costante giornaliera e per alleviare prurito e sofferenza."

Obbligo di soccorso agli animali feriti

09/08/2010
ROMA – Entreranno in vigore il 13 agosto le nuove disposizioni di legge in materia di soccorso agli animali vittime di incidenti stradali, secondo quanto stabilito dalla riforma del Codice della strada pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 29 luglio. Le nuove norme introducono il principio secondo cui anche gli animali hanno diritto al soccorso in caso di incidenti stradali. Il testo approvato dal parlamento tiene conto anche degli emendamenti proposti dalla Lav nel corso dell’iter parlamentare e sostenuti dai deputati e senatori dell’Intergruppo Parlamentare Animali.

LE SANZIONI – La legge prevede ora che soccorrere gli animali feriti è un diritto-dovere, con l’obbligo di fermarsi e assicurare un pronto intervento in caso di incidente. Colui che, responsabile di un incidente, non si fermerà o non si adopererà per assicurare un tempestivo soccorso agli animali coinvolti, rischierà una sanzione amministrativa da 389 a 1.559 euro. Se si è comunque coinvolti in un incidente e non si chiama aiuto per gli animali coinvolti si rischia la sanzione amministrativa da 78 a 311 euro.

LO «STATO DI NECESSITA’» – Si concretizza inoltre lo «stato di necessità» per il trasporto di un animale in gravi condizioni, finora raramente riconosciuto nei contenziosi per violazione del Codice della strada. Ciò significa che chi si occupa della loro cura urgente non può essere sanzionato se, per raggiungere un ambulatorio veterinario, si troverà a violare il Codice della Strada. I mezzi di soccorso veterinari e di vigilanza zoofila vengono pio equiparati a quelli di ambulanze, vigili del fuoco e forze di polizia.

«UN PASSO AVANTI» – Ogni anno sono molte migliaia gli animali vittime di incidenti sulle nostre strade: basti pensare che circa l’80% degli animali domestici purtroppo ancora abbandonati ogni anno in Italia – stimati dalla LAV in circa 130.000 all’anno (50 mila cani e 80 mila gatti) – sono coinvolti in incidenti stradali anche mortali. E non è raro che anche molte altre specie animali subiscano gravi danni su strada. «Questa riforma – sottolinea la LAV – finalmente riconosce il diritto-dovere al soccorso di così numerosi animali, perlopiù ignorati nelle statistiche nazionali relative agli incidenti stradali, e ci fa avanzare sul piano dell’educazione civica. Per la prima volta, il nostro Codice della strada riconosce gli animali come “esseri senzienti”, capaci cioè di provare dolore e gioia, importante principio in vigore dal gennaio scorso con il Trattato dell’Unione Europea».

fonte:  http://www.corriere.it

Varese: nasce l Associazione onlus “I gatti di nonna Olga”

05/08/2010
E’ stata presentata in questi giorni la neonata Associazione onlus I Gatti di Nonna Olga. Presenti il Presidente, Livia Soriente, il vice-presidente Stefano Cenacchi e, ovviamente, Nonna Olga, al secolo Olga Scremin, Presidente Onorario.
L’obbiettivo di questa onlus è quello di sostenere in modo istituzionale l’attività decennale di Nonna Olga, paladina dei gatti abbandonati, vittime di incidenti o semplicemente di nessuno. Il progetto che l’associazione sostiene è quello di avere finalmente a Varese o dintorni un rifugio temporaneo per i gatti in emergenza, in attesa di ricollocarli presso una famiglia affettuosa.
 
Anche se meno visibile rispetto al problema dei cani randagi, quello dei gatti sta dilagando nella nostra provincia: ogni giorno l’associazione riceve telefonate di casi disperati (cucciolate buttate via come rifiuti, gatti investiti, inquilini che lasciano casa e "dimenticano" il gatto segregato senza acqua nè cibo, mici maltrattati…)
La presenza dell’associazione su Facebook (I gatti di Nonna Olga) e, spesso, sui quotidiani locali accentra ancora di più le chiamate di varesini che sperano di trovare in Nonna Olga una soluzione. Per quanto ci si spenda correndo da veterinari amici, cercando famiglie che temporaneamente prendano in affido i gatti e intervenendo economicamente per dare una mano a tutti quelli che collaborano a tamponare questa enorme falla, una soluzione ancora non c’è: non esite un luogo protetto dove sistemare questi animali per il tempo necessario a ritrovare la loro famiglia persa o trovarne una nuova.
 
Serve un rifugio, tra l’altro contemplato dall’ottima Legge Regionale 33/2009. Serve una collaborazione tra Comuni che metta a disposizione un terreno e un minimo di infrastrutture. Al resto penserebbe l’associazione, con i suoi fondi e i suoi volontari, auspicando nella preziosa collaborazione di altre associazioni animaliste della zona.
 
varesenews.it