Archive for gennaio 2008

[NA] Cerca casa: Cesare aspetta ancora fiducioso una famiglia

20/01/2008

Già il 26 novembre scorso abbiamo ripetuto appello per Cesare, la volontaria del canile ci prega di riproporvelo perchè è un cane che merita davvero attenzione!

CESARE STA ANCORA ASPETTANDO. COME E’ POSSIBILE CHE NESSUNO LO VOGLIA? FATE GIRARE PER CORTESIA!!
Per info: anna.diletto@telecomitalia.it.

Sono bello e  dolce, vorrei farvi sentire il calore del mio affetto, vorrei aspettarvi davanti alla porta al ritorno dal lavoro, vorrei mettere la mia pancina all’aria e ricevere qualche grattatina che….non ricordo più come sia fatta…vorrei guardarvi negli occhi e dimostrarvi la mia felicità, non so parlare ma vorrei dirvi tante cose …vorrei dirvi….anche se solo adulto, non dimenticarti di me e lascia che passi ancora qualche anno di felicità insieme a te.. ti aspetto, sono certo che  ……mi verrai a prendere.
cesare
Image Hosted by ImageShack.us

[NA] Cerca casa: Vecchietto, una triste storia!

20/01/2008
Questo cane viveva in casa con un vecchietto che aveva una bancarella in centro tra piazza Carità e piazza Matteotti. Adesso il vecchietto è morto, la bancarella non c’è più e il povero cane, ormai anziano e con una brutta otite, vaga per le strade disperato in cerca del suo amico umano.
Non lo troverà mai perchè è morto. In strada senza la protezione del suo padrone la vita è davvero dura. Lui si avvicina a tutte le bancarelle ma lo cacciano in continuazione.
Ormai il povero cane è disperato e depresso.
Al momento un vecchietto di un’altra bancarella gli sta dando da mangiare e lunedì Sarah va a curargli un po’ l’otite ma bisogna immediatamente trovargli una sistemazione.
Si e’ vero, è un cane che fino a qualche giorno fa viveva in casa con il suo buon vecchio padrone ed ora i  parenti hanno pensato subitodi prendersi tutto e di buttare il cane in strada… Ora lui si sente solo e spaesato,tutti i giorni ripercorre la strada che porta da casa sua alla bancarella dei libri dove lavorava l’unica persona che gli voleva bene, e la sera alla chiusura torna a casa e si rannicchia sotto il portone del palazzo dove per anni ha abitato chiedendosi come mai non lo facciano entrare…
Vi prego non lo lasciamo in strada.
Contattare: monicazunica@libero.it
(se veramente interessati lasciare qui un commento per contatto tel)
Free Image Hosting at www.ImageShack.us   clicca sulla foto per ingrandirla

[NO] Cerca casa: Asia salvata dalla Romania!

20/01/2008
Asia è una cucciola di soli 5 mesi di taglia piccola (da adultà peserà max 10kg) salvata in Romania da STD. E’ stata affidata un mese fa ad un’ottima famiglia italiana ma purtroppo è ritornata in canile pochi giorni fa per un problema di salute. Dopo vari accertamenti si è scoperto infatti che la piccola (quando viveva per la strada) ha subito un trauma che le ha provocato un grave handicap: il mancato controllo dello sfintere vescicale e di quello anale. Sostanzialmente Asia si fa la pipì addosso e perde le feci senza accorgersi di nulla. La famiglia che l’aveva adottata la teneva in casa, ma per Asia è indispensabile vivere in giardino. La cagnolina ha bisogno di un cibo liquido e di tante altre attenzioni. Anche le zampine posteriori hanno problemi: sono rigide, le muove come fosse un leprotto, insieme. E’ vitale, buona e coccolona e cerchiamo per lei una famiglia veramente speciale. Va d’accordo con tutti i cani e va a guinzaglio senza problemi. La portiamo in adozione in tutto il nord d’Italia.

Per adozione: Sabrina amministrazione@ara-ricambi.it
oppure Daniela
ielo.daniela@libero.it.
Image Hosted by ImageShack.us

10 marzo 2008 : Asia è stata adottata! che bella notizia!

A tutti coloro che amano gli animali!

19/01/2008
http://dreamsgraphic2.altervista.org/cuccioli.html

[RT] Cercano casa: due fratelli di circa 3 anni

18/01/2008
Si dovrebbero guardare negli occhi,da vicino, per capire. E già le foto esprimono molto. Sono arrivati in canile con lo sguardo sbigottito e arreso. Deluso e ferito nell’anima. La loro vita (dal collare di cuoio che portano quasi certamente hanno conosciuto un rapporto familiare) adesso e da qualche mese ormai,  scorre squallidamente ogni giorno uguale: seduti su una pedana, all’ombra dell’infelicità, sdraiati talvolta su una lastra di cemento afosa d’estate e gelida d’inverno.
E la loro bellezza sopravvive dietro le grate. E il cuore è fermo ad attendere la vita. Sognare una serenità ora lontana.  
Nero e Nero sono due fratelli: entrambi maschi, circa 3 anni di età, similissimi a pastori belga a pelo raso. Grandi orecchie, sguardo intelligentissimo, corporatura tonica, taglia media, circa 20 kg di peso. Hanno un affettuoso e socievolissimo rapporto con l’uomo. Il timore di una vita segregata in canile ancora non li ha piegati alla disgrazia di divenire timorosi, diffidenti o schivi. E crediamo siano compatibili anche con altri cani.
Il loro sogno sarebbe quello di vivere in una famiglia che possa accarezzarli d’affetto e d’amore , liberi finalmente di essere cani e non cose di cartone trincerate, magari in un giardino liberi di spaziare e perchè no di fare anche la guardia. Il loro carattere è gioioso ma l’aspetto fisico potrebbe intimidire.
Sono meravigliosi e si meritano davvero una adozione amorevole e felice assieme, in coppia, perchè in coppia stanno sopravvivendo ad una tristezza quotidiana. Farete loro un dono di vita prezioso! Adottateli vi adoreranno! 

 Disponibile a condurli in tutta Italia per una sicura e affidabile adozione!
 
Per adozioni o informazioni:  
laura.fabbri@ gmail.com
 www.adozionicani.it
baumiao@gmail.com
www.ulminopericanidirieti.splinder.com

Free Image Hosting at www.ImageShack.us       clicca sulla foto x ingrandire!

[Olbia] Cerca casa: Gennarino abbandonato e malato

18/01/2008
 Questa creatura l’abbiamo soccorsa il 5 gennaio 2008 dietro all’anfiteatro di Olbia, il famoso
anfiteatro Michelucci.
Lui era rintanato in una specie di cuccia , siamo stati chiamati da una signora di Milano in ferie in
questi giorni, accorsi alla chiamata per un cane "gravemente ammalato".
Siamo rimasti esterefatti delle sue disperate condizioni, aveva anche una forte emorragia al naso
(senza piastrine) , portato urgentemente in clinica e sottoposta ad analisi, il cane ha una gravissima rogna ma curabilissima.
Certamente se non avesse contribuito la "cecità" della gente locale non avremmo causato gratuitamente "sofferenze" inimmaginabili ad un essere vivente.
Caro Gennarino, cosa possiamo dirti?
Noi ti abbiamo accolto, noi " ti abbiamo preso in braccio", ma caro Gennarino se da noi non arriva qualche fatina a darci una mano come potremo continuare ad accorrere per richieste d’aiuto?
La nostra bella e stupenda Sardegna è troppo indifferente verso gli animali e noi siamo troppo
soli, Gennaro noi ce la mettiamo tutta e  speriamo.
Per avere informazioni telefona ai numeri (verranno forniti a chi ne fa richiesta qui in commento)
lidaolbia@tiscali.it


Image Hosted by ImageShack.us ma guardate come l hanno ridotto poverino! che cattiveria!

[Roma] Cerca casa: Dolly anziana bisognosa di affetto

18/01/2008

Quanto tempo è che Dolly è in canile? Nessuno lo sa, forse neanche lei se lo ricorda più, ma ricorda quei lunghi anni in cui non usciva mai dal suo box, non mangiava tutti i giorni e non aveva le carezze che tanto le piacciono. Poi l’arrivo dei volontari ha portato nella sua vita e in quella di tanti altri cani una ventata d’aria fresca, ma non basta. Un cane che ha sofferto porta negli occhi il suo dolore e anche se ti ringrazia con tanti bacini delle carezze che gli fai, vorrebbe finalmente l’amore esclusivo che solo una famiglia ti può dare.

I cani anziani hanno ancora molto da dare e accoglierli  nella propria casa per donargli la serenità e le cure di cui hanno bisogno è un grandissimo gesto d’amore. Dolly avrà dieci anni, non ha al momento problemi di salute, cerca solo qualcuno che la liberi.

Si darà in adozione dietro regolare firma di modulo di affido e disponibilità a controlli pre  e post adozione.
contatti: (lasciare un commento se veramente interessati vi daremo un recapito telefonico)
Alessia e
Daniele

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

S. Antonio Abate

17/01/2008
Oggi 17 gennaio si celebra la ricorrenza di S. Antonio Abate, considerato protettore degli animali, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo.

La tradizione deriva dal fatto che l’ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant’Antonio. I maiali erano nutriti a spese della comunità e circolavano liberamente nel paese con al collo una campanella.

Secondo una leggenda del Veneto (dove viene chiamato San Bovo o San Bò, da non confondere con l’omonimo santo), la notte del 17 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio.

(notizia tratta da qui)

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

 

Stamattina sono stata a Messa, celebrata in onore del Santo e degli animali, recando con me la mia cagnolina che è stata bravissima ed ha soltanto fatto due "bau"!!! Poi alla fine sul sagrato della Chiesa, il Prete ha benedetto sia lei che altri cani e anche molti cavalli.

(In questo momento il mio pensiero e la mia preghiera al Santo protettore degli animali va per Aleti e il suo amato cane Otto che sta passando un momento ‘difficile’: vi siamo vicine io e Kim !!!)

Importante petizione europea in favore degli animali

15/01/2008
Ciao a tutti !
Alain Hutchinson, membro del Parlamento Europeo, sta rilanciando la "Convenzione Europea per la Protezione degli animali randagi e d’affezione", che a settembre 2006 non è riuscita a passare per mancanza di adesioni sebbene sia stata proposta dal Commissario europeo Kyprianou, il quale ha tra gli altri suoi compiti, quello del portare avanti le istanze per il Benessere Animale.
Una PRIMA Convenzione Europea è stata firmata il 13/11/1987 a Strasburgo: il Consiglio Europeo avrebbe dovuto incontrarsi ogni 5 anni per aggiornare la Convenzione ma ciò non è purtroppo accaduto.
Quanto alla votazione di settembre 2006, la percentuale di voti richiesti ai fini dell’approvazione della Convenzione attualizzata non è stata raggiunta.
 
Ora, sono necessarie moltissime firme per fare pressione, si tratta di raccoglierne almeno un milione, per permettere ad Hutchinson di ripresentare diverse importantissime istanze:
 
 a)       Al Consiglio d’Europa chiede di sanzionare gli Stati membri che non aderiscono alla Convenzione di Strasburgo del 13/11/1987. Richiede anche che venga riunito tassartivamente ogni 5 anni il Consiglio d’Europa su questo tema, come deciso nel 1987 nel mandato ad esso attribuito;
 
b)       Si chiede che le quote necessarie di voti che appoggeranno il progetto proposto dal Commissario UE Kyprianou siano riviste, in modo che siano più accettabili. Percorrere la strada della civiltà significa dare la possibilità alle istanze di protezione animale di poter essere portate avanti.
 
c)       Si chiede di poter ottenere una Convenzione Europea aggiornata, che sia messa al voto al più presto possibile, e di sanzionare i Paesi membri che non la applicheranno.
 

La Convenzione prevederà:
 
— Punizioni severe per chi abbandona un animale;
— Gli animali devono essere identificati con microchip in tutto il territorio dell’Unione
— Punizioni severe per ogni maltrattamento di animali, in accordo con la futura legge, che sarà applicata in tutta l’Unione Europea
— Stabilire un programma di controllo delle nascite con lo scopo di: 
   
– Organizzare e finanziare un piano di cattura, sterilizzazione, rilascio e vaccinazione per milioni di randagi presenti nel territorio europeo
    – La costruzione di rifugi conformi alle norme in vigore nella EU;
    – Finanziare questi rifugi in modo che siano confortevoli, che gli animali siano accuditi a dovere e nei tempi corretti
    – Nominare un direttore per ogni rifugio con la sicurezza che svolga il suo ruolo con i requisiti imposti dallo standard europeo.
 
FIRMATE LA PETIZIONE !
Ricordate che, al di là di quanto accade in Italia, Paese che di certo non sta brillando in tema di tutela degli animali randagi, nella UE vi sono Paesi dove le condizioni dei randagi sono ancora più spaventose (Romania, Grecia, Spagna…)…
 
La trovate qui:
 
http://www.firmiamo.it/petizioneanimaliue
 
Nella stessa pagina c’è il codice del banner della petizione, potete inserirlo se avete un sito web, affinchè la petizione giri il più possibile
Grazie a tutti !!
Annalaura di www.dogwelcome.it

Vittoria! USA ferma gli esperimenti sugli scimpanzè

15/01/2008

DECISIONE STORICA, USA FERMANO ESPERIMENTI SU SCIMPANZE’
14 gen 08

Era uno dei pochi Paesi al mondo a utilizzare ancora questi animali in test.

14 gennaio 2008 – Con una decisione definita "storica" da molti scienziati, gli Stati Uniti d’America hanno deciso di proibire in tutto il territorio nazionale la sperimentazione medica e scientifica sugli scimpanzè.
La notizia è stata diffusa da Pedro Pozas, il direttore esecutivo spagnolo del progetto "Gran Simio" (Grande Scimmia), una associazione internazionale di scienziati e ricercatori che si batte affinché agli antropoidi non umani venga riconosciuta la stessa protezione legale e morale che spetta agli esseri umani. "Si tratta di una decisione storica – ha dichiarato Pozas – di una vittoria emblematica soprattutto perché gli Stati Uniti sono uno dei pochi Paesi nel mondo che ancora utilizza gli scimpanzè per ricerche di laboratorio". La nuova legge, firmata dallo stesso presidente George Bush e battezzata "Chimp act", proibirà in modo permanente ogni forma di sperimentazione sugli scimpanzè, spesso sottoposti a vere e proprie torture nei laboratori di ricerca medico-scientifica. Secondo Pedro Pozas, l’iniziativa americana dovrebbe rappresentare un modello per quei Paesi, molti dei quali europei, dove la sperimentazione sulle scimmie è ancora largamente praticata. "Gli Stati Uniti hanno dato una lezione al mondo in materia di protezione degli ominidi non umani – ha dichiarato Pozas – Speriamo che la Spagna sia il prossimo paese a varare una legge specifica che protegga le grandi scimmie e i loro diritti fondamentali". Gli scienziati e ricercatori spagnoli del gruppo "Gran Simio" hanno presentato una proposta di legge nel 2005 proprio per dare una protezione speciale a questi animali, "ma la legge è stata ignorata completamente dalla commissione per l’Ambiente di Madrid", ha spiegato Pozas, ribadendo la necessità di liberare gli scimpanzè e portarli in centri di recupero, pubblici o privati. "E’ imprescindibile riuscire a far loro dimenticare gli orrori che sono stati costretti a subire" ha concluso.
Come spiega il gruppo "Gran Simio" sul sito ufficiale dell’associazione, l’affinità genetica delle scimmie con l’uomo è enorme. Gli esseri umani condividono con gli scimpanzè il 98.4% dei geni, il 97,7% con i gorilla e il 96,4% con gli orangutanghi e la differenza genetica è addirittura inferiore a quella esistente tra le specie dello stesso genere e famiglia.
(9Colonne)