Archive for novembre 2006

[PD]Cerco casa: micino di 5 mesi tutto bianco

08/11/2006

Micio abbandonato, cerca casa. si tratta di un maschietto bianco di 5,6 mesi. Molto tranquillo. Si comporta bene anche in appartamento. 

Image Hosted by ImageShack.us

[VR] Fieracavalli: un'appuntamento da non perdere!

08/11/2006

Invito tutti gli appassionati di equitazione, cavalli, e animali a fare un giro a questa fantastica fiera dedicata all’equino più amato da tutti.
Potrete trovare spettacoli meravigliosi son Arabi, Spagnoli e western show. Oltre al fatto che vi sarà anche la Word Cup, l’unica tappa italiana della Coppa del Mondo di Salto Ostacoli.
Vi posso garantire io stessa che Fieracavalli vale tutti i soldi d’entrata (sono sui 16 euro di giorno, mentre la sera l’entrata è gratuita).
Le giornate di apertura sono da giovedì 9 a domenica 12/11.
Questo è il sito per avere tutte le informazioni riguardanti Fieracavalli: http://www.fieracavalli.com/nqcontent.cfm?a_id=1

 

Image Hosted by ImageShack.us
alt="Salone
                                   Cavallo Arabo

                           

                           

Torino: un regolamento a tutela degli animali

05/11/2006

A Torino il 26 ottobre è entrato in vigore il nuovo regolamento di tutela degli animali.
Sedici pagine in cui si disegna una città a misura di Fido e di gatti randagi.
La norma fissa in tre volte al giorno le uscite minime per un cane domestico.
Vietate le tinture, non sarà più possibile chiedere al veterinario di sottoporre il cucciolo al taglio della coda e delle orecchie.
Multa a chi non porta a passeggio il cane almeno tre volte il giorno.
I trasgressori rischieranno una contravvenzione che va da un minimo di 25 euro a un massimo di 500.
Le cucce esterne devono avere il tetto impermeabilizzato ed essere sollevate da terra.
Vietate le corse dietro al motorino, permesse le pedalate in bicicletta con il cane a seguito, senza che il cane si possa affaticare.
Vietato l’isolamento dell’animale, il suo addestramento qualora si ricorra a violenza e soprattutto l’impiego di cani per combattimenti
E’ vietato inoltre l’accattonaggio se si utilizzano cuccioli di qualsiasi specie animale. Pena il sequestro.
Questo prevede il nuovo regolamento per la "Tutela degli animali" approvato dal Comune di Torino.
Prima città in Italia a dotarsi di uno strumento tanto corposo: ben 45 articoli che spaziano dalla tutela dei cani a quella degli animali impiegati nei circhi.
Un documento che nasce con lo scopo di promuovere il benessere e la tutela degli animali.
Con la speranza che l’esempio di Torino sia seguito da molte altre città.

Sicilia: primo convegno regionale sul randagismo

05/11/2006

1° CONVEGNO REGIONALE: IL RANDAGISMO IN SICILIA

Domenica 5 novembre 2006 Ore 9:30 – 19:30
Centro Fieristico “Le Ciminiere” Viale Africa – Catania
Randagismo in Sicilia: problema sociale.
Realtà e progettualità, a 15 anni dall’entrata in vigore della Legge quadro Nazionale n° 281/91 e a 6 anni dalla Legge Regionale n° 15/2000.
Al convegno a cui ha collaborato anche l’OIPA di Catania, parteciperà come relatore anche Massimo Comparotto, Presidente OIPA Italia.
Leggi l’appuntamento alla pagina http://www.oipaitalia.com/randagismo/notizie/sicilia.htm
 

L'oasi Boza è salva!

05/11/2006
VITTORIA! L’OASI BOZA È SALVA: LA MOZIONE APPROVATA ALL’UNANIMITÀLegambiente, LIPU ed OIPA esprimono la propria soddisfazione per il fatto che il Consiglio Comunale di Cassano Magnago (VA) abbia approvato all’unanimità la mozione finalizzata alla salvaguardia dell’Oasi Boza ed al mantenimento della sua vocazione per la conservazione della biodiversità e l’educazione ambientale, il cui testo era stato proposto dalle Associazioni scriventi.
Crediamo che si tratti di un grande successo per tutto il mondo ambientalista perché si è dimostrato una volta di più che quando le “battaglie” per la tutela del territorio sono portate avanti con tenacia, organizzazione e compattezza si possono ottenere risultati insperati.
Se la discussione in Consiglio Comunale non fosse stata preceduta da un’azione martellante nei confronti dell’amministrazione, costituita dai comunicati stampa, dall’opera di sensibilizzazione svolta nei confronti della cittadinanza e dalle petizioni lanciate nelle scorse settimane, difficilmente si sarebbe raggiunto l’obiettivo.
Per questo ringraziamo tutti coloro che ci hanno sostenuto in questa campagna per la salvaguardia di uno degli ambienti più significativi del nostro territorio.
Leggi la splendida notizia alla pagina http://www.oipaitalia.com/oasi/boza.htm
Leggi gli altri appelli vinti alla pagina http://www.oipaitalia.com/appelli/vittoria.htm

Fonte: newsletter OIPA

Petizione: massacro di delfini in giappone

05/11/2006

MASSACRO DI DELFINI IN GIAPPONE: SOSTENIAMO LA PROTESTA DI SEA SHEPHERD

L’OIPA ha appreso dall’associazione statunitense Sea Shepherd, alleata con l’OIPA anche nella campagna per la difesa delle foche in Sud Africa, che l’11 ottobre l’associazione di pescatori della città di Ito ha annunciato che continuerà la sua annuale caccia ai delfini. Si uniranno Taiji, e ad altri piccoli villaggi lungo la costa giapponese, in un bagno di sangue che ha come risultato la morte di oltre 20.000 delfini e piccole balene, ogni anno da ottobre ad aprile.
Firma la petizione on line alla pagina http://www.oipaitalia.com/caccia/appelli/delfini.htm

Fonte: Newsletter OIPA

 

[Tutta Italia]Cerco casa: cucciolotto con qualche problema, ma in perfetta salute

04/11/2006

Che colpa ne ha se la natura è stata crudele con lui? E’ riuscito un pò male, ha un orecchio un pò smangiato e non ci vede bene all’occhio dx.
Per l’allevatore questo è stato un buon motivo x buttarlo via. L’ha lasciato  da un veterinario chiedendo la cortesia di occuparsene. Ed il veterinario non sapendo cosa fare l’ha portato in canile. Adesso è in un freddo box e non riesce a capisce perchè non sta più con la sua mamma e con i suoi fratellini.
Ha un gran freddo dentro ed un enorme bisogno di coccole. Per trovare un minimo di calore si accuccia nella ciotola del cibo che però non riesce a riscaldarlo.
Ha circa tre mesi, è un maschietto ed ha ed uno sguardo sperduto ed implorante che colpisce al cuore.
Non ha chiesto lui di nascere e non è giusto che paghi per uno scherzo di madre natura.
Questi piccoli difetti lo rendono ancora più delizioso, adottiamolo!!!!!
Ora si trova a Caserta, ma i volontari sono disposti a portarlo al Nord: fino a Bologna!
Adottabile in tutta Italia

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

[AT]Cerco casa: anatre

04/11/2006

Devo sistemare urgentemente alcune giovani anatre mute. Avevamo 19 pulcini (inaspettati, il vecchio
maschio non aveva mai combinato niente…), alcuni li tenevo io con i grandi, e due conoscenti si erano dichiarati disposti a
prenderne altri. Come spesso succede, ognuno ha le sue cose da fare, e così le anatre crescono, e i grandi uccidono i piccoli quando sono dell’opinione che gli danno noia. Così sono stati uccisi finora 7, ancora due giorni fa la femmina più piccola di tutti, in effetti quasi non ci sono più femmine perchè sono piccole. Ora tra maschi adulti e maschietti grandicelli la cosa
diventa sempre più pericolosa, e poi non possono rimanere tutti qui, non sarebbe sostenibile per gli animali. Io personalmente ne avevo scelte 4 da tenere, un grande maschietto molto mite – indispensabile quando ce ne sono un certo numero – uno che zoppica (salvo che qualcuno molto amorevole lo voglia), una femminuccia tutta scura e la più piccola, proprio minuscola, che –
appunto – è stata uccisa proprio di recente.
Perciò cerco urgentemente posto per gli altri maschietti e qualche altra femmina rimasta. Non di tutti è sicuro il sesso Ci sono: 1 (forse) maschio tutto bianco, 1 (forse) maschio bianco con un ciuffo nero in testa, 3 maschietti bianco nero, 2 femmine bianco neri (tutti nati metà luglio), 2 (probabilmente) femmine bianche (nate inizio agosto). Bisogna sapere che il viso dei maschi diventa da adulto pieno di rughe e verruche, non rimangono pieni di piume (qualcuno potrebbe poi trovarlo "brutto", e quindi è meglio
che non si lasci incantare dai piccoli per poi non volerlo più da adulto!). Ovviamente non sono pensati come futuro arrosto a Natale o Capodanno.
Per i giovani: noi abitiamo tra Asti ed Alessandria. Le anatre mute – specialmente i maschi – non necessitano indispensabilmente di un laghetto, anche se lo gradiscono e sicuramente sono più puliti se lo hanno. Hanno bisogno tanta erba, che da noi sul loro terreno purtroppo non c’è e perciò gliene dobbiamo portare sempre tanta. L’ottimale per loro sarebbe vivere su un grande prato – con o senza laghetto/vasca.
Necessitano un riparo solo dal vento, dal sole estivo e dalla pioggia, altrimenti preferiscono dormire all’aria aperta. Chi crede di avere la possibilità di dargli una buona casa, per favore si metta in contatto con me.

Dall’e-mail di Conerlia.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us