GLI ANGELI A QUATTRO ZAMPE DI HAITI

by

Haiti, squadre cinofile da tutto il mondo per affiancare i soccorritori nelle ricerche dei superstiti tra le macerie.  Per loro in fondo è un po` la continuazione di un gioco, quello che hanno imparato iniziando a frequentare i corsi di addestramento in uno dei tanti centri che fanno capo alle associazioni di protezione civile o ai corpi militari dello Stato. Ma il loro «gioco» è in grado di salvare molte vite umane. Appena è scattata l`emergenza anche loro, i cani da catastrofe, sono stati mobilitati assieme alle squadre di ricerca e di pronto intervento partite da ogni angolo del mondo. Nelle loro gabbie hanno attraversato mari e oceani. E adesso aspettano solo di entrare in azione, segnalando ai loro conduttori la presenza di persone ancora in vita sotto i palazzi crollati. Li abbiamo già visti in azione in Abruzzo, dopo il sisma dell`aprile scorso. Gli «angeli a quattro zampe» hanno permesso ai vigili del fuoco e ai militari impegnati nelle ricerche di concentrare gli sforzi dove c`era la certezza della presenza di esseri umani. E così faranno anche tra le rovine dell\`area di Port-au-Prince completamente devastata dal terremoto di martedì notte.

 

SQUADRE DA TUTTO IL MONDO – Squadre cinofile sono partite dalla Spagna, dalla Francia, dal Messico, dagli Usa. Persino dalla Cina e da Taiwan. Il contributo fornito dai cani è irrinunciabile. Il loro fiuto è eccezionale, la loro capacità di infilarsi in fessure e anfratti quando a poche ore da un evento come un terremoto per l`uomo è impossibile farsi largo tra i cumuli di macerie può fare la differenza tra la vita e la morte. In queste situazioni, si calcola che sia di circa 72 ore il tempo massimo di intervento per poter sperare di recuperare persone ancora in vita. A volte qualcuno sopravvive di più, ma spesso in questi casi si inizia già a parlare di miracolo, perché di solito chi resta travolto dalle macerie è quasi sempre ferito e non ha la forza per resistere a lungo. Fondamentale, insomma, vincere il fattore tempo. E concentrare gli sforzi e le operazioni di scavo laddove c\`è certezza di trovare qualcuno. E dove agire, sono proprio loro, i cani, a segnalarlo.

 

IL RAPPORTO UOMO-ANIMALE – I cani utilizzati in queste situazioni possono essere di varie razze e gli esemplari più idonei vengono di solito selezionati già negli allevamenti. «Il loro addestramento inizia quando sono ancora cuccioli – spiega il vicequestore aggiunto Giovanni Quiglini, responsabile delle unità cinofile e a cavallo del Corpo Forestale dello Stato -. Vengono assegnati ad un conduttore e dal momento del loro primo incontro, i due inizieranno a fare "coppia fissa". Il cane inizia a vivere con il conduttore, va a casa con lui, tra i due si crea una stretta simbiosi. E` la cosa più importante stabilire un legame molto forte tra l`uomo e l`animale». Perché per il quattrozampe la ricerca dei dispersi è sì la prosecuzione di un gioco imparato durante l`addestramento, ma quando il cane è diventato operativo, in un certo senso capisce anche di operare per conto dell`uomo. E quello che fa lo fa soprattutto per assecondare la richiesta del suo accompagnatore. «Sta eseguendo un compito – puntualizza il vicequestore Quiglini – e tanto più il rapporto con il conduttore è solido, tanto più sarà determinato nel raggiungere l`obiettivo». Di qui l`esigenza di una forte identificazione dell\`animale con il proprio conduttore.

 

ADDESTRAMENTO CONTINUO – L`addestramento prevede diverse fasi: dalla socializzazione all`obbedienza e fino all\`apprendimento delle tecniche operative. Il primo addestramento dura alcuni mesi, ma poi è di fatto in continuo e ogni anno vengono eseguiti diversi test di operatività. A L`Aquila i cani della Forestale, assieme a quelli dei vigili del fuoco e degli altri corpi militari o di polizia e della protezione civile, hanno dato un contributo fondamentale. «Quegli splendidi animali hanno svolto davvero un grande lavoro – conferma Quiglini -: senza di loro molte persone non avrebbero potuto essere salvate».

 

Alessandro Sala
fonte: Amicicani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: