Morto un delfino a Gardaland

by
Image Hosted by ImageShack.us


Il 30 ottobre e’ morto Tango, un giovane delfino di 3 anni tenuto prigioniero nel Palablu di Gardaland, due settimane dopo la morti un altro delfino tenuto all’acquario di Genova.

Scriviamo a Gardaland per protestare e informarli che fino a che esisteranno i delfini prigionieri non visiteremo il loro parco a tema.
Scriviamo a:
infobox@gardaland.it

evitando insulti, che non servono a nulla.

Annunci

3 Risposte to “Morto un delfino a Gardaland”

  1. anonimo Says:

    sono una ragazzina di torino e dopo aver letto quello che é successo a quei poveri delfini, pensate, tenuti prigionieri per tre anni, mi sono proprio sconvolta di cosa l'uomo é capace di fare ad un povero animale che all'uomo ,invece che vendicarsi , giochi sempre con luié una cosa veramente vergogniosa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. anonimo Says:

    il delfino percorre decine di km al giorno, come fa a vivere  in una vasca di 200 o 300 metri quadri?

  3. anonimo Says:

    Gia è davvero vergognoso, povero delfino pensate che nel mio libro c'è scritto di fare un volantino per visitare il palablu dove è appena nato questo tenero delfino. devono averlo scritto prima della sua morte.
     c'è anche scritto: "questa seconda nascita conferma che il palablu è ideale per la riproduzione di questi mammiferi. (esatto per la riproduzione ma non per la vita) vergognosissimooooooooooooooooooooooooo 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: